L’Osvaldo Soriano Football Club nacque all’alba del nuovo millennio da un’idea di Paolo Verri e delle operatrici culturali Paola Cimatti e Silvia Brecciaroli.
Lo scopo non era solo quello di formare una Nazionale Italiana Scrittori di calcio, ma di fondere (citando un libro del nostro Fernando Acitelli) la solitudine dell’ala destra  e quella, spesso sinistra e piena di insidie, di chi lavora con una penna in mano nel chiuso della propria stanza. 
Da questa fusione sarebbe nato un gruppo di amici uniti dalla passione per il calcio e per il narrare. Tra i primi ad aderire, oltre al già detto Acitelli, Alessandro Baricco, Carlo Lucarelli, Dario Voltolini, Michele Mari, Darwin Pastorin, Gianluca Favetto, Davide Longo, Giampaolo Simi, Alessandro Fabbri, Carlo D’Amicis, e molti altri.
Si perdeva spesso, ma ritrovarsi a Cesenatico (eletta allora a sede del club), alle dipendenze del mister Giancarlo Magrini, era sempre a suo modo una rivincita.
Arrivarono altri scrittori, da Cristiano Cavina a Carlo Grande a Marco Mathieu fino al bomber Francesco Trento. Arrivò un allenatore nuovo (o meglio, un nuovo primus inter pares – essendo scrittore lui stesso): Paolo Sollier.
Arrivarono le Writer’s League, tornei tra nazionali europee che portarono in Italia scrittori scandinavi, ungheresi, inglesi, tedeschi, e portarono l’Osvaldo Soriano Football Club a Brema e a Malmoe.
E adesso arriva il tempo di ritornare…in rete.
Per raccontare meglio chi siamo, e per proporvi di incontrare la nostra squadra su un campo di calcio e in mezzo ai luoghi della cultura, con in mano un libro e tra i piedi un pallone.